CEARISIA 2022

CEARISIA 2022

Il Cersaie ha accolto un totale di oltre 62.000 visitatori nei cinque giorni del salone, di cui oltre 24.000 professionisti internazionali. La partecipazione è stata pari a 56% del totale 2019.

La 38¬™ edizione di Cersaie, il Salone Internazionale della Ceramica e dell'Arredobagno, svoltasi a Bologna dal 27 settembre al 1¬į ottobre, ha soddisfatto pienamente le aspettative delle aziende espositrici che hanno deciso di investire nella manifestazione come occasione per incontrare di persona i propri clienti e presentare le ultime novit√† di prodotto. Su una superficie espositiva totale di 150.000 metri quadrati in quindici padiglioni del quartiere fieristico di Bologna, erano presenti 623 aziende, di cui 361 del settore ceramico, 87 del settore arredobagno e 175 dei settori installazione, materie prime, nuove superfici e servizi. Il forte profilo internazionale della manifestazione √® stato confermato dalla presenza di 238 espositori non italiani (38% del totale) provenienti da 28 Paesi.

Cersaie 2021 ha visto la partecipazione di un totale di 62.943 visitatori. Nonostante il perdurare delle difficoltà causate dalla pandemia nei mercati internazionali, soprattutto in termini di spostamenti intercontinentali, il salone ha attirato 24.019 visitatori internazionali (38% del totale), mentre il numero di partecipanti italiani è stato di 38.924 unità. I giornalisti presenti sono stati 464, di cui 150 stranieri. Il totale delle presenze è stato pari a 56% del 2019.

La manifestazione si √® svolta nel rispetto di tutte le normative vigenti per garantire una partecipazione sicura all'evento, con la certificazione Green Pass richiesta non solo per l'ingresso in fiera, ma anche per le fasi di allestimento e smontaggio degli stand, quest'ultima attualmente in corso. L'adozione del Green Pass ha consentito la partecipazione di un gran numero di clienti provenienti dall'Italia e dai principali mercati europei, mentre la partecipazione dei visitatori asiatici √® stata pi√Ļ limitata a causa delle severe norme anti-Covida in vigore per i viaggiatori di ritorno.

"Sono convinto che i 623 espositori che hanno partecipato a Cersaie 2021 abbiano avuto il miglior ritorno possibile dal loro investimento in una manifestazione che ha confermato ancora una volta la sua importanza nazionale e internazionale tra distributori, architetti, posatori e operatori immobiliari", ha commentato Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria Ceramica. "Le piastrelle di ceramica si stanno affermando da diversi mesi nei vari mercati mondiali grazie alle qualità intrinseche di salubrità, igiene e sostenibilità ambientale dei nostri prodotti e alla loro capacità di soddisfare la crescente domanda di qualità della vita nelle abitazioni e non solo. Come abbiamo sottolineato ai rappresentanti delle istituzioni nazionali e territoriali, la cui presenza in fiera ha dimostrato chiaramente l'interesse per il nostro settore,

"Cersaie ha offerto un ampio programma di eventi ben frequentati e di grande efficacia", ha dichiarato Emilio Mussini, vicepresidente di Confindustria Ceramica per le attività promozionali e fieristiche. "I momenti salienti di questa edizione della fiera sono stati: le quasi 600 persone che hanno assistito alla conferenza del premio Pritzker Shigeru Ban, la presenza di dieci importanti studi di architettura italiani ed europei nella Contract Hall, l'esposizione del progetto G124 lanciato da Renzo Piano per la riqualificazione delle periferie in collaborazione con giovani architetti, i diciotto Press Café che si sono svolti durante i cinque giorni della manifestazione, i seminari sulle piastrelle di ceramica che si sono svolti nella Tiling Town e i 180 delegati di Cersaie Business provenienti da alcuni dei principali mercati italiani, tra cui Germania, Nord America e Paesi del Golfo, presenti grazie alla preziosa collaborazione con l'Italian Trade Agency ITA. Cersaie continuerà fino all'8 ottobre attraverso Cersaie Digital, una vetrina di prodotti online e un servizio di business matching per espositori e visitatori che fornisce un valido supporto alla partecipazione dei visitatori diretti e che sarà ulteriormente sviluppato nelle prossime edizioni della fiera.

Il prossimo anno il Cersaie si terrà a Bologna dal 26 al 30 settembre 2022.

Ufficio Stampa Cersaie - 4 ottobre 2021 - pressoffice@cersaie.it

Altri ottimi articoli di stampa o blog sull'argomento ci permettono di scoprire o riscoprire le principali tendenze di questa fiera per l'annata 2021, dopo due anni di assenza

Ucraina

I prezzi delle piastrelle aumentano, i tempi di consegna si allungano a causa della guerra in Ucraina

La guerra in Ucraina e l'impennata del prezzo del gas stanno mettendo sotto pressione l'industria delle piastrelle. L'azienda specializzata Torchio, che opera in Normandia e in Bretagna, teme mesi complicati e scarsità.

Fondata nella Manche nel 1975, l'azienda, gestita da Jean-Charles Kies e Bruno Herbert, impiega ottantacinque persone in otto siti in Normandia e Bretagna. | MICHEL COUPARD, OUEST-FRANCE

"Non siamo in grado di impegnare i prezzi per pi√Ļ di una settimana".Questo √® il motivo del successo dell'azienda", afferma Jean-Charles Kies, direttore generale di Torchio, con sede a Hambye, nel Regno Unito.¬†Maniglia. Dall'inizio del¬†guerra in UcrainaIl mercato delle piastrelle sta vivendo un'instabilit√† senza precedenti. I prezzi sono in aumento, spinti dalla¬†gasche rappresenta¬†"tra il 40 e il 45 % del costo di produzionesecondo la PMI, membro del gruppo Algorel, la terza forza d'acquisto in Francia.
Soprattutto in Italia e in Spagna, dove si trovano i principali produttori europei, le fabbriche di ceramica utilizzano forni particolarmente energivori. Questi vengono spenti solo durante i periodi di manutenzione in inverno. In un anno, il prezzo del gas è passato da 6 euro per MWh a 150 euro per MWh, con picchi di 300 euro. "Nel 2021 abbiamo avuto diversi aumenti successivi, che abbiamo in parte assorbito. Fino alla crisi ucraina...".presenta Jean-Charles Kies.

I ritardi si allungano

Perch√© il gas non √® l'unico materiale da picco. L'industria utilizza principalmente argilla proveniente dall'Ucraina, apprezzata per le sue propriet√† fisiche e la sua bianchezza. Il conflitto impone all'intera industria di riorganizzarsi.¬†"C'√® argilla di qualit√† in Sardegna, in Bretagna o in Germania, ma la domanda √® superiore alla capacit√† produttiva.osserva il manager. In questo contesto, le fabbriche preferiscono concentrarsi sui prodotti pi√Ļ comuni. Alcune stanno valutando la possibilit√† di interrompere la produzione, piuttosto che produrre in perdita.

"Abbiamo già delle scadenze di consegna per luglio. Questo creerà delle carenze, prevede Bruno Herbert, secondo amministratore delegato di Torchio. Soprattutto perché tutta l'Europa ha piazzato enormi ordini e svuotato le scorte in previsione.

"Siamo preoccupati per i nostri clienti

 

Per l'azienda, tuttavia, non √® il momento di farsi prendere dal panico.¬†"Siamo sufficientemente strutturati per affrontare questa crisi per un anno. √ą per i nostri clienti che siamo preoccupati.Bruno Herbert, che ipotizza che i privati saranno meno penalizzati. Per i grandi cantieri e le commesse pubbliche, invece, il conto potrebbe essere salato.¬†"Ho un dossier su Cherbourg: tra l'accordo quadro sulla fornitura e il prezzo di oggi, c'√® una differenza di 40 %.afferma Jean-Charles Kies.¬†Il settore¬†teme invece che i clienti possano ritardare, con conseguenze per le aziende tra qualche mese.

Fonte: https://www.ouest-france.fr/normandie/manche/reportage-guerre-en-ukraine-le-contexte-international-fait-grimper-le-prix-du-carrelage-75284304-b045-11ec-bac3-54faba916d73

it_ITIT
Scorri in alto